Giusto in questi giorni abbiamo adottato i Proliant HP Microserver 658553-421 come soluzione server low cost per professionisti e PMI con 5 max 10 utenze.

Le macchine le abbiamo equipaggiate con 4gb di ram DDR3, 2 dischi 500Gb Western Digital RE4 in configurazione RAID 1 e Windows 2008 R2 Foundation ROK di HP.

Tutto sommato con poco piu’ di € 520,00 euro + IVA (sistema operativo escluso dal conto) esce un giocattolino piuttosto versatile, economico in termini di consumo elettrico (circa 100 W), silenzioso e  piuttosto performante come file server.

Qualora volessimo fare qualcosa di piu’ impegnativo il processore AMD Turion Neo N40L soffre e non genera soddisfazioni.

Ecco cosa penso in sintesi dei Proliant Microserver di HP

PRO CONTRO
  • E’ un prodotto assemblato ad hoc da un brand che non ha bisogno di presentazioni.
  • E’ raffreddato in modo ineccepibile, la qualita’ costruttiva e’ ottima ed e’ esteticamente accattivante.
  • Performances giuste per fascia operativa e prezzo (la sola macchina costa circa € 310,00 + iva di base per il modello citato).
  • Anche se i dischi sono estraibili in comode slitte non sono HOT PLUG.
  • La garanzia di base e’ di 12 mesi, se si rompe la scheda madre dopo tale data diventa doloroso porre rimedio in quanto non ha una forma standard. L’unico modo per estendere la garanzia e’ con il Carepack UR482E  HP 3 year Next business day ProLiant MicroServer Hardware Support che costa € 113,00 + iva.

Dopo averci giocherellato un bel po’ con vari software come per esempio FreeNAS, VMware ESXi, Endian Community, ClearOS ed altre distribuzioni abbiamo potuto constatare che e’ veramente un bel giocattolo e si offre a fare di tutto piuttosto dignitosamente.

Ma … !?

A mio avviso rimane il problema della potenziale riparazione, se dopo 12 mesi si sfascia la scheda madre sono dolori, non ne trovo acquistabili separatamente come parte di ricambio e quindi la scelta di acquistare l’estensione di garanzia diventa obbligatoria e comunque alla scadenza c’e’ la certezza che qualora si rompa la scheda madre o l’alimentatore sara’ difficile ripararlo.

A questo punto mi sono messo alla ricerca di una potenziale alternativa cercando di migliorare le caratteristiche con questo taglio di costo. Ho spulciato decine di modelli di componentistica presso i miei fornitori principali (Ingram Micro, Esprinet e TechData) cercando di prendere il meglio a disposizione.

Ecco cosa ne e’ uscito.

Il case per quanto mi riguarda non puo’ che essere un Lian Li. Prodotti interamente realizzati in alluminio che offrono una qualita’ eccezionale ad un prezzo piuttosto contenuto. Il modello scelto e’ il Lian Li PC-Q25 che presenta delle comodissime slitte ad estrazione rapida per gli hard disk. Una valida alternativa e’ il Lian Li PC-Q08 che costa un pochino di meno, ha la stessa qualita’ e bellezza ma a cui bisogna scollegare subito quegli odiosi LED blu presenti dietro la ventola centrale di raffreddamento dei dischi).
L’alimentatore e’ un Techsolo TP-450 un modello di fascia  entry level che ho avuto modo di apprezzare per la qualita’ costruttiva ad un prezzo particolarmente contenuto. I suoi 450W sono anche troppi per questa macchina ma altri modelli inferiori non erano disponibili.
La scheda madre micro ITX scelta e’ la Intel DH67CF, un giocattolino piuttosto complesso (e costoso) che consente di espandere la memoria fino a 16gb con possibilita’ di RAID 0 / 1 / 5 / 10 e 4 attacchi SATA 6Gb/s e tante altre belle caratteristiche.
Per il processore ho optato su un Intel Pentium Dual Core G630 2,7Ghz con 3Mb di cache, socket LGA 1155 ed un consumo di 65W piu’ che soddisfacente per un impiego di fascia bassa in ambiente server .
Per me le 2 x Kingston Hyper X 4GB DDR3 1333Mhz sono un’ottima scelta. Abbastanza Ram (8Gb totali) per far lavorare dignitosamente la macchina senza spendere molto e con garanzia a vita. Ricordiamoci che a necessita’ la scheda madre puo’ reggere fino a ben 16Gb.
In un precedente articolo ho parlato di Hard Disk da impiegare in NAS aziendali o server di fascia alta. Anche in questo caso non scelgo diversamente quindi 2 x Western Digital RE4 da 500GB in configurazione RAID 1 possono essere una soluzione piuttosto equilibrata. Per risparmiare qualcosina si possono acquistare i Western Digital RED (specifici per NAS) ma con caratteristiche molto simili agli RE4

Cosa dire di questa soluzione ?

PRO CONTRO
  • E’ raffreddato in modo ineccepibile, la qualita’ costruttiva dei componenti e’ ottima ed e’ esteticamente accattivante.
  • E’ decisamente piu’ potente del Microserver HP ed e’ espandibile (vedi cambio CPU per esempio) senza particolari complicazioni.
  • In caso di rottura delle scheda madre o alimentatore basta trovare una alternativa e sei a posto.
  • La scheda Lian Li PC-Q25 porta i dischi come HOT SWAP (non l’ho provato ma sono fiducioso)
  • Costa esattamente € 520,00 + iva
  • Non lo sportelllino a vista con le slitte estraibili ma se guardate la scheda del modello Lian Li PC-Q25 vi renderete conto che cambiare un HDD e’ una barzelletta.
  • Non ha un marchio importante stampato sopra (se non quello del produttore del case).
  • Non ha una garanzia ufficiale di prodotto completo perche’ e’ un assemblato.

Conclusioni

Sinceramente il Microserver di HP per me e’ un bellissimo compromesso brand / qualita’ / prezzo … tuttavia se volete ottenere una maggiore flessibilita’ e maggiore potenza a parita’ di costo e dimensioni l’alternativa proposta con le innumerevoli varianti sono da tenere in considerazione.

Il prezzo dell’alternativa puo’ variare anche di parecchio in base a cio’ che viene inserito nella macchina, ho fatto qualche prova alternando componenti (sempre qualitativi) ma di modelli diversi ed il prezzo e’ sceso anche di € 160,00 + iva.

Voi cosa ne pensate?