hard-disk-struttura-interna.jpg

La deframmentazione dell’hard disk grazie alla velocita’ ed alla capienza ormai esagerata di 1TB sta’ diventando una pratica sempre meno diffusa o addirittura sconosciuta a chi utilizza il pc.

E’ importante sapere che una deframmentazione costante dell’hard disk oltre a rimettere a posto di dati (diciamola cosi’ in modo molto semplicistico) ha anche un altro aspetto molto importante, quello di aiutarci a prevenire guasti hardware.

Si perche’ durante la deframmentazione, spostando i dati per rimettere a posto tutti i vari pezzettini dei file l’hard disk viene utilizzato interamente. Spesso non tocchiamo file per mesi e magari si stanno rompendo fisicamente i settori in cui sono scritti questi files.

Windows grazie alla sua versione ridotta del Diskeeper conosciuta come Microsoft Defrag sviluppata Execuvite Software riesce a fare un discreto lavoro anche se lentamente e lasciando buchi enormi. Microsoft Defrag infatti spesso non compatta in modo corretto l’hard disk.

ultradefrag-screenshot.gif

UltraDefrag 1.1.0 e’ un Open Source piccolissimo e potentissimo che permette di deframmentare e di compattare l’hard disk.

Lavora molto piu’ velocemente del defrag.exe e nell’ultima versione 1.1.0 ha la possibilita’ di deframmentare anche a livello boot (quindi prima che parta tutto il sistema operativo) come il chkdsk per intenderci.

Le modalita’ operative sono quindi :

  • GUI, senza fronzoli molto semplice e funzionale
  • Da linea di comando, molto comoda per schedulare operazioni
  • Modalita’ boot, che permette di deframmentare l’hard disk prima di caricare l’os

UltraDefrag lavora tranquillamente con FAT12/16/32 e NTFS da Windows 2000 all’ultimo Vista 32/64 oltre che le versioni server fino alla 2003, diversamente non supporta Windows NT (ammesso che ancora ci si lavori).

L’applicativo pesa poco piu’ di 100kb e vi assicuro lavora benissimo, sono ormai mesi che lo utilizzo per deframmentare il mio HDD.