Ormai le soluzioni per il backup sono infinite, sia a livello software che hardware partendo dagli HDD esterni alle piu’ costose soluzioni NAS/SAN passando per il nastro che e’ ancora vivo e vegeto.

Per quanto riguarda il software da utilizzare ne ho gia’ segnalati diversi ma io continuo con NTBackup (su ambienti Microsoft Windows 2003/xp) che finora non mi ha dato particolare motivo di preoccupazione ed il potente DriveImage XML che nella sua semplicita’ di utilizzo puo’ competere con quelli di fascia professionale.

Nei casi in cui esistono i presupposti  ovvero sistema operativo desktop e HDD di marca specifica uso abitualmente anche Seagate Diskwizard che e’ il fratellino piccolo di Acronis Trueimage.

Ma, come comportarsi in un ambiente di fascia superiore ??

Di ambienti molto complessi finora non ne ho mai gestiti e sinceramente non saprei neanche come comportarmi. Nelle situazioni piu’ complicate (circa 20 server in dominio) ho adottato  le soluzioni Acronis che reputo lo stato dell’arte ma qualche dubbio mi viene …

Per il puro storage rimango convinto che il doppio NAS sia la soluzione migliore. Mi spiego meglio, in pratica un NAS e’ lo storage ufficiale che poi sincronizzo  con un altro NAS magari dislocato e occultato (sia Buffalo che Iomega hanno capacita’ di replica automatica).

Voi cosa consigliate, che esperienze volete condividere?

Written by Alberico Schiappa

Ciao, spero che questo articolo ti sia piaciuto. Ti chiedo un click per aiutarmi a condividerlo sui Social Network e se puoi, di commentarlo con le tue esperienze e suggerimenti...

This article has 4 comments

  1. alezander Reply

    … Ci sono delle situazioni in cui il NAS non e’ il miglior modo di fare il backup per esempio noi utilizziamo ancora il nastro perche’ deve essere mantenuto per 12 mesi.

  2. thanks2world Reply

    … il nastro e’ ancora vivo e vegeto come storage non lo metto in dubbio e sicuramente la comodita’ di estrarre una cartuccia e metterla in cassaforte batte il NAS alla grande ma ormai il costo / Gb e’ diventato ridicolo e dove ci vorrebbero diversi nastri (da numerare 1.2.3.4.5) basta un solo nas ;)

  3. scomodo Reply

    secondo me il backup bisogna farlo sia su NAS che su CDROM cosi hai un supporto prestazionale ed uno che dura nel tempo.

    • armando Reply

      Beh dipende!!! Io per dirti ho sempre fatto i backup su CD/DVD ma quell’unica volta in cui mi si e’ rotto l’hard disk e volevo recuperare dati dall’ultimo backup su DVD ci sono rimasto male perche’ non si leggeva.

      Il NAS non l’ho comprato perche’ costoso ma alla fine forse era meglio spendere i soldi per questo piuttosto che perdere tutto il materiale.

Rispondi a alezander Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.