windows-vista-has-it-all.jpg

Pare che in casa Microsoft abbiano deciso che windows update sia lo strumento giusto per aggiornare il sistema operativo degli utenti paganti e quindi non siano necessari i service pack cumulativi visto che la banda larga e’ ormai ovunque (non serve piu’ scaricare il paccone di qualche centinaio di mb).

C’e’ sicuramente da ridire anche su questo, poniamo il caso che si debba reinstallare l’OS di 10 pc, tocchera’ scaricare 10 volte le singole patch attraverso il windows update con un consumo di banda notevole, diversamente come gia’ detto posso scaricare il singolo service pack ed aggiornare in tranquillita’ tutte le macchine.

La mia domanda nel caso di Windows Vista pero’ e’ questa, sia che vengano distribuiti attraverso il windows update, sia attraverso un service pack, “quando Microsoft si decidera’ a risolvere tutte le problematiche di Vista?“.

Si perche’ anche se provengo dal mondo Microsoft e da sempre installo e configuro sistemi Windows oggi sono veramente in uno stato di confusione. Questa forzatura data al mercato da fine gennaio si traduce nella vendita di pc solo con Windows Vista che piu’ continuo ad utilizzare, piu’ continua a darmi problemi e farmi incavolare.

Le richieste hardware sono mostruose, pensate, questa settimana ho venduto un notebook a mio avviso con un ottimo rapporto qualita’/prezzo -Asus F3M-AP034 – il cliente lo utilizza solo per navigare e per scrivere lettere e me lo ha riportato dopo due giorni dicendo “che vogliamo fare? lo lanciamo dalla finestra o ci montiamo xp?” … da precisare che il vecchio notebook del cliente era un Pentium III 1000. Se vogliamo fare un confronto macchina, Sempron 3400 / 1gb ram / 80gb hdd 5400rpm rispetto ad un PIII 1000 / 256mb / 20gb 4200rpm c’e’ molta piu’ potenza a disposizione, il cliente deve fare esattamente le stesse cose, navigare e scrivere le lettere e si ritrova a pagare una macchina che va piu’ lenta di quella vecchia! Windows Vista contro Windows XP!!!

Da notare inoltre che ha acquistato in modo regolare una licenza OEM che gli vieta il downgrade a Windows XP in quanto previsto solo in questi casiI diritti di downgrade sono disponibili solo per le versioni Windows Vista Business e Windows Vista Ultimate, per cui il cliente può installare Windows XP Professional (incluso Tablet PC Edition e x64 Edition).” e stranamente non trovo in listimo macchine con tali sistemi OEM se non di fascia altissima.

Ritornando al focus dell’articolo, se Windows Vista e’ il sistema del futuro, se dovra’ accompagnarci per diverso tempo e se la gente lo deve pagare, Microsoft deve risolvere tanti problemi perche’ ad oggi Vista per me non e’ sicuramente cio’ che e’ stato reclamizzato. E’ vero che da Windows 2000 a Windows XP c’e’ stato da penare e che Windows Xp e’ maturato molto con il service pack 2. Oggi, siamo nella stessa situazione di qualche anno fa, ma la Microsoft non ha imparato nulla dal passato visto che oggi con il passaggio da Windows XP a Windows Vista abbiamo gli stessi problemi.

Infine per quanto riguarda sempre il service pack pare che entro fine anno dovrebbe arrivare un pacchetto comulativo con nome in codice Fiji che speriamo risolva tutti i problemi attuali. Segnalo inoltre il sito di Ethan Allen che si e’ fatto un service pack accorpando le singole patch scaricabile dal sito www.thehotfix.net che ovviamente Microsoft ha denunciato ed ha messo in allarme gli utenti a non utilizzare.

 

Questi sono alcuni interessanti articoli in merito :